Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Corso di Laurea Magistrale in Architettura del Paesaggio

Per laurearsi

La Tesi di Laurea Magistrale (9 CFU per gli immatricolati fino all'aa 2018/2019 e 12 CFU per gli immatricolati dall'aa 2019/2020) è frutto di un lavoro preferibilmente individuale o al massimo elaborato da due candidati. Consiste in una dissertazione, svolta davanti a una commissione nominata dal corso di studio, illustrativa di un lavoro originale elaborato dal candidato e riconducibile a uno dei numerosi campi di applicazione delle competenze dell’architetto paesaggista.
L’argomento di tesi deve essere concordato con un docente che si assume la responsabilità di relatore della tesi.

 

  • Modalità per l'iscrizione alla tesi di laurea e Calendari

 


Gli elaborati obbligatori richiesti per la Tesi di Laurea sono: 

  • Tavole di progetto: da 10 a 12, in formato A1, salvo eccezioni di tavole in formato A0 da concordare con il relatore.
  • Relazione di tesi, elaborata e stampata in formato A4 verticale o orizzontale, dovrà contenere anche tutte le tavole di progetto. Estensione minima del testo: 100.000 battute, spazi compresi.

Nel caso in cui gli autori della tesi di laurea fossero due, saranno concordati con il relatore il numero degli elaborati e la parte attribuita al contributo del singolo candidato.
A libera scelta da parte dei laureandi possono essere presentati come ulteriori elaborati a supporto del lavoro di tesi, plastici o video.


Tesi di Laurea di tipo compilativo sono ammesse, ma solo se preliminarmente approvate dal Comitato della Didattica del CdLM a seguito di motivazioni illustrate dal relatore interessato. Per questo tipo di Tesi, la Relazione, elaborata e stampata in formato A4 verticale o orizzontale, dovrà avere un’estensione complessiva di testo di almeno 200.000 battute, spazi compresi, e dovrà prevedere una presentazione in formato power point o pdf.


Nella valutazione della prova finale concorrono i seguenti criteri:

  • il valore medio ponderato, espresso in centodecimi, dei voti conseguiti nelle singole valutazioni di profitto;
  • il giudizio della prova finale (relativo sia alla preparazione complessiva dimostrata nella discussione che alla qualità dell’elaborato progettuale e della sua presentazione) espresso con una valutazione compresa tra 0 e 9 punti per gli immatricolati fino all'aa 2018/2019 e tra 0 e 8 punti per gli immatricolati dall'aa 2019/2020.
 

 

 
ultimo aggiornamento: 26-Lug-2019
UniFI Scuola di Architettura Home Page

Inizio pagina